UniversoPoesia

Da Matteo Fantuzzi quanto di buono offre la poesia italiana contemporanea. Forse.

with 12 comments

Sandro Bondi, i narratori e la spettacolarizzazione della Poesia.
.
Dopo quintali di critiche (e ribadendo se fosse necessario che il mio pensiero politico sta nell’altra metà del cielo) devo rallegrarmi per avere letto che l’uscita dei testi dell’On. Sandro Bondi, spesso letto su Vanity Fair e lì invece sinceramente criticato è avvenuto non in una major ma per una casa editrice di non enormi dimensioni, ovvero le “Edizioni della Meridiana”: questo discorso per il semplice motivo che il nostro dubito avrebbe fatto grande fatica a imporre i suoi lavori per un editore imponente, magari fuori collana, ma non credo avrebbe sudato le famose sette camicie, la decisione invece di affidarsi altrove (anche se la prefazione di Davide Rondoni, sebbene cauta, ha comunque il problema di rendere maggiore peso alla cosa), non spiattellare anche alla pubblica “voracità” le sue cose, ma optare in un certo senso, “ritornare”, ad una legittimissima dimensione “privata” che forse in certi casi sarebbe bene seguire. Mi riferisco in questo senso soprattutto alla calata di narratori sulle patrie lettere poetiche, andando ad occupare luoghi ad “alta visibilità” per relegare i “poeti per mestiere” magari all’editoria di nicchia. Perché la facile equazione “se va bene il romanzo andrà benino anche il resto” rimane, chi legge avidamente la narrativa di un autore si presume poi lo seguirà in qualsiasi sua avventura, anche la più maldestra, dimenticando forse che per la Poesia un poco di lavoro va fatto, che non si può pensare di andare ogni tanto a capo e avere fatto una gran cosa, senza pensare che lontano dalle grandi editorie e dai grandi fatturati stanno tanti ottimi poeti in ombra, non più ragazzini ma colonne del nostro Novecento e di questo Millennio, che magari per pubblicare ogni 10 anni 100 pagine sono costretti a mendicare in giro. Ma lo spettacolo, il fatturato, sembrano essere per troppe persone l’unico metro di paragone, tanto che la Poesia comincia a ragionare (comincia… oramai pare una cosa consolidata) su numeri e dati, manco fosse l’Auditel, su sponsor e spazi pubblicitari manco fossimo i redattori di Tv Sorrisi e Canzoni (con tutto il rispetto, ma loro a fatturato ci devono andare, in Poesia se già non vai in bancarotta è un lusso): e così potrà a qualche dirigente sembrare una grande “mossa” Antonello Satta Centanin aka Aldo Nove che parla del suo poema su Maria su Markette (La7) con Chiambretti decisamente più interessato -purtroppo- alla pruriginosa (…) tesi di laurea del nostro Antonello aka Aldo, potrà sembrare una gran figata lo slam poetry, che propone Poesia come il Parmigiano Reggiano fatto dai cinesi… ma a me qualche legittimo e personale dubbio continua drammaticamente a rimanere… (e credo di non essere così snob, ma estremamente pragmatico, non sono le 10.000 copie o le 300 persone a un reading a legittimare una Poesia). State bene.
Annunci

Written by matteofantuzzi

16 febbraio 2008 a 14:28

Pubblicato su Uncategorized

12 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Davide Rondoni ha scritto una prefazione persino a me, che sono il diavolo…

    michelefabbri

    16 febbraio 2008 at 16:53

  2. suppongo ci abbiano pensato anche, alle edizioni della meridiana…(non è che Bondi faccia una poesia per cui ci si strappa i capelli per la curiosità…)

    fabiano

    anonimo

    16 febbraio 2008 at 17:23

  3. michele, meglio evitare la proprietà transitiva 🙂

    fabiano, sinceramente: quanti editori oggi pubblicano poesia solamente per contribuire alla crescita delle patrie lettere poetiche di inizio secolo ? (…)

    matteofantuzzi

    17 febbraio 2008 at 13:02

  4. quanto lo fanno non per avere un tornaconto ma per spirito d’evoluzione intellettuale, intendi?

    Qualcuno….pochi ma ci sono. E qui rimando alla sezione dell’editoria NON a pagamento sul sito di Cornacchia.
    Fabiano

    anonimo

    17 febbraio 2008 at 13:47

  5. sì, però anche lì l’equazione come sai non è perfetta. a volte non si paga ma comunque lo spirito è “altro”. sinceramente ligabue (che dubito abbia pagato) è destinato a rimanere nelle patrie lettere poetiche italiane ? e dico lui per dirne uno…

    matteofantuzzi

    17 febbraio 2008 at 15:37

  6. Un paio di anni fa ormai avevo un libro (saggistica) in uscita per le edizioni della Meridiana. Avevo già corretto le bozze in pdf, poi non se ne è fatto più nulla, non sapevo perché. Intervento di Rondoni, ho poi saputo in seguito. Credevo di dovermene lamentare, ma qui apprendo che Bondi ha pubblicato qualcosa di suo con quell’editore e quindi, da questo momento, mi sento in debito con Rondoni, per avermi preservato.
    Marco Merlin

    anonimo

    21 febbraio 2008 at 13:33

  7. forse vado un po’ fuori tema, ma che ne pensate del fatto che molti dei citati “grandi poeti” di oggi, che comunque non hanno autorità pubblica(mi riferisco a due articoli apparsi sul Corriere nei giorni scorsi) siano tutti docenti universitari?
    Io sono un poco sconcertata, dal fatto che le muse abbiano un campo d’azione sempre così elevato o ristretto.
    che ne dite? E della tristezza trascurata degli scaffali di poesia nelle librerie?
    Per il povero Bondi sinceramente, non vedo grande storia poetica, ma
    chissà questa volta le muse han fatto un’eccezione.
    Scusate gli scherzi e un saluto a tutti

    PaolaRenzetti

    21 febbraio 2008 at 16:38

  8. vedi marco che alla fine tu, andrea (margiotta) e davide vi volete un bene dell’anima ? siete sempre pieni di premure l’uno per l’altro… 😀

    paola, il tuo commento preannuncia proprio l’argomento della prossima settimana, l’articolo di cristina taglietti (molto gentile) sarà proprio il prossimo post.

    comunque qualche eccezione c’è, cucchi per esempio che ha probabilmente gli spazi di maggiore dialogo con i “non addetti ai lavori”, ma anche zanzotto o pagliarani non possono certo considerarsi “accademici puri”

    matteofantuzzi

    22 febbraio 2008 at 15:49

  9. Io, Davide (Rondoni) e Marco Merlin … Un bel trio davvero: potrei pensare di girare un western – ma il lungometraggio che sogno di fare va in tutt’altr direzione, e i western son passati di moda ;-)))
    Sto facendo una serissima scuola di regia con dei fantastici ventenni (anche donne ;-))) ma, precauzionalmente, per ora aspiro solo alla regia pubblicitaria, restando, pur sempre, uno sceneggiatore professionista di cinema ;-))
    Che dire? Bondi, Andrea Ulivi direttore delle edizioni fiorentine citate …
    Con Merlin personalmente sono in pace, tanto che gli manderei perfino il mio secondo libro per Atelier, se non fosse un po’ troppo lungo: comunque le sue eventuali critiche sarebbero decisamente utili, magari anche per eliminare qualche testo e per snellire …
    Ma mi sono accorto che in molte editrici più grosse (ma non per questo migliori) di Atelier, c’è qualcuno che ha un po’ di stima per il mio lavoro; dunque, sfumata l’occasione da Guanda (come scrissi in un pezzo nel mio blog), procederò un po’ come capita …
    Il mio problema è sempre il TEMPO, tenermi ancorato alla sedia: dovrei fare come l’Alfieri ;-)))
    Rondoni, il mio caro amico da sempre, è come la Juventus …
    Io però sono della Lazio e Davide (strano per un romagnolo) tifava per il Bologna …
    Una volta mi prestò il suo abbonamento – che gli aveva regalato Roversi Monaco ex rettore dell’Università di Bologna – e così potei assistere a Bologna-Lazio in tribuna d’onore, accanto al Sindaco di allora ;-)))) …
    Saluti

    Andrea Margiotta

    rondons

    23 febbraio 2008 at 14:54

  10. parli del precedente sindaco, immagino. con questo la notizia l’avremmo saputa dai giornali 😀

    matteofantuzzi

    24 febbraio 2008 at 14:50

  11. No. Era quel baffone comunista di Imbeni … Dunque un bel po’ d’anni fa … ;-))

    andrea m.

    rondons

    24 febbraio 2008 at 16:24

  12. poveraccio è pure morto giovane. è stato anche uno dei primi europeisti italiani, e tra i più convinti (vicino a molti che siedono su tutt’altre poltrone…)

    (non solo de gasperi, insomma…)

    matteofantuzzi

    24 febbraio 2008 at 19:32


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: